Pubblicato in: Curiosità, I disastri storici, News sul XVIII secolo

La piaga del XVIII secolo

Carissimo/a History lover, buon momento!

A quanto pare, il periodo difficile nel quale stiamo vivendo ci porta a fare riflessioni sul passato a volerne sapere di più. Non per niente, in questi giorni i miei articoli sulla Peste sono i più letti. Indi per cui, approfitto della mia rubrica I disastri nella Storia per rispondere a una vostra domanda: in che senso nel XVIII secolo ebbe gran influenza il vaiolo?

Indi per cui…

Per la rubrica “I disastri nella Storia”, nata per non dimenticare, non ti ricordo un evento in particolare, ma l’epidemia più potente avvenuta nel XVIII secolo, che decimò in Europa centinaia di migliaia di persone ad ogni comparsa, ossia, il Vaiolo.

Nella memoria collettiva l’epidemia pandemica per antonomasia è la Peste, essa infatti  è ritenuta la peggiore malattia infettiva che abbia colpito il genere umano, tuttavia, durante il XVIII ebbe una rivale, ovvero, il sopracitato vaiolo.

Il vaiolo è una malattia infettiva di origine virale, (nonostante sia stato debellato preferisco parlare al presente perché può sempre ripresentarsi. P.S.: comunque esiste il vaccino), il cui virus è trasportato da persona a persona e si trasmette per contatto diretto o tramite oggetti contaminati. (un po’ come accade con il Covid-19)

N.B.: esisteva anche il vaiolo bovino. Questa tipologia si trasmetteva da bovino a uomo attraverso il contatto (tipo la mungitura) e la morte era rara.

Il vaiolo (umano) ha origini antiche, si suppone a migliaia di anni fa e, a prova di ciò, infatti, ti dico che la nota peste antonina (165-180), fosse una epidemia di vaiolo e non di Peste. (ti ricordo che in passato il termine peste stava ad identificare una epidemia che poteva essere di qualsiasi natura. Il collegamento con il batterio yersinia pestis subentrò nel XIV secolo.)

Per onor di cronaca, è giusto precisare che durante i bei tempi andati anche il vaiolo non fosse una novità, anzi, essa colpiva le città del mondo conosciuto con una frequenza abbastanza significativa.
Raggiunse i territori europei nel Medioevo, e da quel momento si può dire che mise radici divenendo fastidiosa e trasformandosi in piaga nel XVIII secolo. 

Si racconta che, ad ogni comparsa, ci fossero centinaia di migliaia di vittime. (da alcuni studi si suppone che nella seconda metà del XVIII secolo il vaiolo uccidesse 400.000 persone l’anno. Vittime principali i bambini, gli anziani e i deboli.)
Numeri che fanno paura.

La malattia si presenta con bolle acquose e pruriginose principalmente su viso, torace e braccia, infiammazioni della mucosa con le vie respiratorie e tanto dolore. A causa del rush cutaneo inizialmente venne scambiata per morbillo o varicella, ma successivamente capirono che fosse tutt’altro.

Come potete ben intuire questa malattia aveva un indice di mortalità molto elevato. Comunque, qualora si fosse sopravvissuti al contagio, si potevano riportare le seguenti conseguenze: cicatrici (una tra le più deturpate, da me raccontate, fu Elisabetta Farnese), o la cecità.

#Curiosità
Molti personaggi storici sono morti di vaiolo, oppure furono sopravvissuti riportandone i segni sul corpo.

La prima forma di prevenzione al vaiolo fu la vaiolizzazione (XVIII secolo) che consisteva nell’iniettare nelle persone da proteggere del materiale prelevato dalle bolle di pazienti non gravi. (non efficiente)

Nel 1746 fu aperto a Londra un ospedale dedicato ai malati di vaiolo, dove si praticava la vaiolizzazione.

Il primo vaccino per il vaiolo fu creato dal dottore britannico Edward Jenner. A seguito dei suoi studi, nel 1796 il dottore fece un esperimento che a me pare sia andato così. In un bambino iniettò il grease (derivante da infezione tra persone) nell’altro il cow-pox (derivante da infezione bovino). Il primo morì e il secondo sopravvisse e da quel momento iniziò a studiare per perfezionare il vaccino. (ovviamente non sono un dottore e non so darvi dettagli specifici, ma se c’è qualcuno che vuole aggiungere, lo leggerò volentieri.)

Tornando ai miei Borbone.
Ferdinando IV di Napoli (figlio dei miei Carlo e Maria Amalia) fu presente alla terribile epidemia di vaiolo a Palermo del 1801 che uccise 8.000 persone solo in città. (tra cui tantissimi bambini) Il re ne rimase talmente colpito che fu il primo Re in Europa a voler sperimentare il vaccino di Jenner. Affidò l’incarico al medico inglese Joseph Andrew Marshall, il quale aveva già vaccinato dei soldati inglesi a Malta.
Grazie ai sovvenzionamenti dei sovrani Borbonici, quell’anno, furono vaccinati in Sicilia circa 10.000 bambini.

Spero che l’articolo abbia risposto alla tua curiosità, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi può essere interessato/a. Non dico altro. Alla prossima!

Nel frattempo, volevo ricordare a coloro che dicevano il Covid-19 non è la Peste, oppure è solo influenza, che il numero di persone morte continua a salire. Inesorabile e senza sconti. Le malattie infettive, purtroppo, se non prese con le giuste precauzioni, possono fare male.

Ricordo: Separati per amore💛

E non lo dico solo per il numero di morti: siamo quasi a 25.000 nel mondo, ma per tutte le famiglie che hanno perso i loro cari senza potergli dire addio e senza sapere dove sono.

Ripeto il mio augurio, speriamo non diventi mai come la Peste.

Pubblicato in: Curiosità, News sul XVIII secolo, Uncategorized

La preferita di Giuseppe II

Carissimo/a history lover, buon momento!🤦‍♀️

È con infinita gioia che ti comunico tale notizia: Maria Giuseppina d’Asburgo-Lorena,(sorella delle ben note Maria Antonietta e Maria Carolina) oggi avrebbe compiuto 269 anni.

A U G U R I !

Era il lontano 19 marzo 1751 quando, da una delle stanze padronali del palazzo reale in Vienna, si sentì il vagito dell’arciduchessa d’Austria Maria Giuseppina Gabriella Antonia Anna d’Asburgo e Lorena. A quel tempo non si poteva presumere il tipo di donna che sarebbe diventata e, ancor meno, immaginare quale futuro avrebbe avuto, tuttavia, i familiari si aspettavano da lei almeno un grande matrimonio.

Maria Giuseppina d’Asburgo-Lorena, figlia di Francesco I di Lorena e di Maria Teresa d’Asburgo, era una giovane dai lineamenti gradevoli e dall’indole buona. Le caratteristiche personali di cui era dotata fecero in modo che il fratello, futuro Sacro Romano Imperatore Giuseppe II, la preferisse alle altre sorelle e le dedicasse le migliori attenzioni. L’arciduchessa visse un’infanzia felice in compagnia della sorella Maria Giovanna Gabriella, più grande di solo un anno. In seguito della morte di quest’ultima per vaiolo, malattia onnipresente in quel tempo, ella ne prese il posto come promessa sposa del re di Napoli Ferdinando IV (figlio di Carlo).
Si racconta che, poco prima della partenza per Napoli, l’imperatrice Maria Teresa l’abbia portata con sé nella cripta imperiale per pregare per la defunta cognata Maria Giuseppa di Baviera (moglie di Giuseppe II), morta anche lei di vaiolo pochi mesi prima e, a quanto pare, la tomba non era stata ben sigillata. La giovane venne infettata e morì di vaiolo il 15 ottobre del 1767. (la madre aveva già contratto la malattia tempo prima.)

#Curiosità
La morte di Maria Giovanna Gabriella e di Maria Giuseppina, entrambe promesse spose di Ferdinando IV di Napoli, fece supporre che il giovane re portasse sfortuna.

Questo spiega perché nel film “Ferdinando e Carolina” i due sovrani indossassero i corni contro il malocchio.
N.B.: Ferdinando IV sposò Maria Carolina d’Asburgo-Lorena, sorella minore delle sopracitate arciduchesse.

Spero ti sia piaciuto l’articolo, nel caso la risposta fosse affermativa, ricordati di lasciare un like e di condividere con persone interessate. È anche un modo carino per sostenere me e il mio blog.😊
Alla prossima! 

Pubblicato in: Carlo e Maria Amalia

Separati per amore

Carissimi history lovers, buon momento!

Tanto per rimanere in tema oggi vi racconto una storia.😊

Ogni secolo aveva e forse ha la sua epidemia, se non più di una e, nel XVIII secolo,
(secolo da me amato) ebbe grande influenza il vaiolo.

Carlo Sebastiano di Borbone ebbe il vaiolo, in forma lieve, nel 1732, mentre si recava per la prima volta in Italia.

Nel mese di febbraio del 1739 si ammalò di vaiolo proprio Maria Amalia Wettin e, com’era logico, fu separata dal marito perché, la prima forma di prevenzione è da sempre evitare il contatto per non diffondere la malattia.

ATTENZIONE SPOILER😀
Amalia guarì, ma rivide il marito a marzo, dopo oltre un mese di separazione.

Di seguito un estratto dal mio romanzo storico e ricordate;
Io resto a casa.

Separati per amore (la distanza di sicurezza è un gesto d’amore verso noi stessi e il prossimo) 💙

Capitolo 36 di Carlo e Maria Amalia-un amore reale

Primi giorni di febbraio 1739
La cena stava proseguendo con il classico cicaleccio di sottofondo che sfociava spesso in risate o semplici risolini di Corte. La coppia Reale se ne stava seduta, uno di fianco all’altra in composto silenzio. Il loro tavolo diretto ai convitati, sovrastava l’intera sala di alcuni gradini e li poneva in bella vista agli occhi dei loro nobili sudditi. Un sorriso appena accennato ammorbidiva entrambi i volti al solo scopo di apparire felici, forti e in salute.
«Pensavo», disse Carlo alla moglie, «vi piacerebbe se andassimo a teatro, una di queste sere?»
«Ne sarei lieta» rispose la regina asciugando con un gesto casuale le gocce di sudore che le bagnavano sotto il naso.
Uno spasmo incontenibile la fece vibrare senza possibilità di celarlo.
«Vi sentite bene?»
La domanda del marito suonò allarmata, mentre le puntava sul volto uno sguardo apprensivo.
«Certo», mentì, «anzi, sarei ben felice di vedere l’edificio da voi tanto voluto.»
«Ne rimarrete abbagliata. Il Reale Teatro di San Carlo è il primo nel suo genere ed è anche molto capiente.»
Amalia sorrise del suo entusiasmo e confessò: «Non serve che lo elogiate, sono sicura che abbiate fatto un buon lavoro.»
Un brivido la costrinse a strofinarsi le braccia con un gesto involontario, fu in quel momento che il Re le prese una delle mani che teneva strette in grembo, trovandola calda.
«Voi non state bene», sentenziò guardandola torvo, «non dovete mentirmi e non dovete trascurarvi.»
Spostò lo sguardo in cerca della dama, che era seduta di fianco al suo fidanzato e attirò la di lei attenzione sollevando solo l’avambraccio. Rapida si alzò per avvicinarsi alla coppia reale.
«Vostra Grazia, desiderava parlarmi?» chiese dopo aver effettuato l’usuale riverenza.
«Sua Altezza non si sente bene. Vi affido il compito di accompagnarla nel suo appartamento e di far chiamare il medico affinché le presti le cure necessarie.»
Anne annuì senza neanche rispondere e si portò al lato della regina che, nel mentre, elegante e fiera come sempre, si era alzata e la precedeva nell’uscita. Dimostrando in tal modo a tutta la Corte, di non avere il minimo malanno. Troppe voci correvano sulla sua salute cagionevole e, mostrarsi debole al popolo, non era di certo un buon segno.
Non appena Maria Amalia fu uscita dal grande salone, si piegò leggermente per chiedere sostegno alla propria dama.
«Maestà, cosa succede?»
«Temo di essermi ammalata nuovamente» sospirò guardando con pesante rassegnazione la lunga scalinata che doveva condurla al piano superiore.
Un moto d’angoscia le lambì l’animo quando le gambe vacillarono sotto il suo esile peso. Aggrappata da un lato al marmoreo corrimano e dall’altro a Anne, iniziò quella interminabile salita.
Se solo avessi immaginato un simile indebolimento non sarei mai scesa. Pensò fermandosi, mentre tamponava il sudore dalla fronte con una mano tremante.
«Maestà lasciate che chiami qualcuno» implorò con apprensione, non l’aveva mai vista tanto debole.
«No», soffrì a fiato corto, «non possiamo fidarci di nessuno.»
Con entrambe la mani si aggrappò al freddo marmo che, per un attimo, le regalò sollievo.
«I vostri servitori vi sono fedeli…»
«Non dimenticate che il nuovo Primo Ministro è anch’egli spagnolo e, pertanto, la sua fedeltà andrà sempre alla Spagna. Avrà tante spie» soffiò senza respiro. Era riuscita a resistere in quella sala tutto il tempo necessario, ma quello sforzo stava ledendo la sua energia. Ancora ferma in quella presa aggiunse: «Non possiamo rischiare che la Spagna si metta contro di me. La mia posizione è troppo precaria, lo sento.»
Con un notevole sforzo riprese a salire, passo dopo passo con una lentezza infinita. Il moto di sconforto che l’avvinse fu talmente grande da rendere le successive parole rauche: «Fermiamoci un momento.»
Nuovamente aggrappata alla balaustra Amalia tentava di ritrovare la forza, ma si sentiva troppo debole e le sue gambe cedettero d’improvviso. Cadde sulle ginocchia con il rumore di una piuma.
«Maestà!» si affrettò la dama per sollevarla, ma la Regina rifiutò con un cenno del capo.
Un rumore di passi affrettati le fece sussultare. Amalia tentò di alzarsi mentre Anne si girava per vedere chi fosse. Il capitano fece la sua comparsa come un’apparizione.
«Vostra Maestà!» si lanciò accanto alla propria sovrana, «Lasciate che vi aiuti.»
La regina sollevò gli occhi chiari e acquosi in quelli dell’uomo e percepì uno strano appannamento.
«Permettete?» chiese ancora, preoccupato.
Amalia annuì, prima di scivolare inerme nell’incoscienza.
Senza il minimo sforzo fece scivolare il braccio attorno a quella vita sottile e la condusse rapido nell’appartamento reale, senza di fatto, incontrare nessuno.
«Adrian, vi prego, potete far chiamare il medico. Io mi devo occupare di lei.»
«Certo» acconsentì, correndo oltre i corridoi.

La diagnosi fu unanime: vaiolo.
Erano trascorse alcune ore da quando era stato espresso il verdetto e, nonostante gran parte del Palazzo dormisse, un’altra lavorava alacremente per la prossima partenza del re.
«Dovreste riposare» suggerì il Capitano alla propria fidanzata.
«Temo che non vi riuscirei, Adrian» ammise, continuando a guardare l’affaccendarsi della servitù che caricava le carrozze. «Come ho potuto non accorgermene?» inquisì più a se stessa che a lui. Si volse a guardarlo con gli occhi lucidi di apprensione. Von Dreje l’attirò a sé per confortarla con un abbraccio nel quale ella si lasciò sfuggire un drammatico: «Potrebbe morire.»
«È più forte di quanto si pensi» ribatté facendole piccole carezze sulle spalle tremanti e tentando in tutti i modi di alleviarle la pena.

I giorni si susseguirono lenti e silenziosi. All’esterno della stanza reale vi era Anne, alla quale non era concesso di assistere la propria Sovrana,la quale attendeva in quel salottino l’uscita dei medici e degli infermieri per accertarsi del suo stato di salute e, ogni volta, le risposte erano monocorde e insufficienti.
Oltre il legno ricamato della porta, invece, vi era Amalia.
Il buio inquietante che avvolgeva il suo talamo era solo un piccolo ritaglio di quell’impietosa malattia. A occhi chiusi se ne stava immobile come una statua, costringendosi a fare anche piccoli respiri per timore che il minimo movimento potesse, se possibile, aumentare quel tormento. Un bruciore insostenibile le aveva invaso la bocca e la gola, martoriando con la sua discesa ogni singolo organo interno. Nonostante il suo interno fosse in fiamme, era l’esterno che le causava maggiore pena. Percepiva la propria epidermide infiammata da un costante prurito. Quando erano comparse le prime bolle rosse aveva sbirciato, ma quando esse erano diventate vescichette acquose, non aveva avuto più il coraggio di farlo. Un’altra ondata di prurigine le lambì il corpo, ma si astenne da ogni gesto impulsivo: si concesse solo di stringere i lembi del lenzuolo con le dita.
Carlo, nel mentre, aveva trovato nuovamente ospitalità a Portici, nella Villa d’Elbeuf.
«Maestà, posso farvi servire qualcosa da bere?» domandò, Emanuele Maurizio di Lorena duca d’Elbeuf, dopo aver osservato un lungo silenzio.
«Gradirei un bicchiere di Porto. Credo di averne bisogno.»
«Cattive notizie da Napoli?»
«È della dama personale della regina», rispose sollevando la lettera che teneva ancora in mano, «non vi sono notizie, per ora, i medici dicono che non ci resta che pregare.»
Il duca era un uomo attempato che aveva avuto la fortuna e l’accortezza di ospitare la coppia reale quando, tempo addietro, era stata costretta a trovare riparo sulla costa porticese a causa di un fortunale nel golfo. Dopo quel primo rifugio, egli era diventato un buon amico del re ed era per tale ragione, che Sua Altezza Reale attendeva di conoscere le sorti della propria sposa nella di lui dimora. Non che gli piacesse essere fuggito in quel modo da Palazzo, ma era parere unanime del consiglio, che egli non rischiasse una ricaduta.
La vostra sorte è di vitale importanza per Napoli, il Regno e il popolo tutto.
«Mi duole sapervi in questa incresciosa situazione», disse il Duca sedendosi dinanzi al re, «e, ancor più, sono addolorato per Sua Altezza la regina, ella è beneamata da tutti.»
Carlo lo guardò e annuì, prima di prendere il bicchiere di Porto e trangugiarlo con una sola sorsata.
«Pregherò per la di Lei guarigione» aggiunse sincero.
«Ve ne sono grato», rispose, «ora però desidero stare da solo.»
Il duca si congedò rapido, poiché, nonostante fosse il proprietario di quella villa, l’altro era il suo sovrano e dunque il padrone di ogni cosa, compresa la sua stessa vita.
La separazione fisica però, fu unita da un’unica e grande preghiera per la salute della sovrana.

Che state facendo?
Alla prossima!