Pubblicato in: Chiacchiere

La Cappella Sistina

Carissimo/a history lovers, come sempre, buon momento!

Siccome amiamo la Storia e gli storici, adoriamo sicuramente anche l’arte visiva, ossia quelle opere realizzate con talmente tanto talento da essere divenute simboli di epoche passate, indi per cui,  non potevo lasciar passare in sordina la seguente ricorrenza.

Il 31 ottobre del 1512 Michelangelo Buonarroti terminò la Cappella Sistina (robetta da niente, insomma :-D) e il 01 novembre 1512 venne mostrata per la prima volta al pubblico.

Michelangelo Buonarroti fu un grande maestro del Rinascimento italiano le cui opere hanno fatto sognare milioni di persone. Nonostante egli si ritenesse uno scultore, decise ugualmente di accettare l’incarico per la realizzazione di circa 500 metri quadri di affresco all’interno della Cappella Sistina, in Roma. Per ultimare il lavoro gli ci vollero quattro anni e che, per rendere l’opera perfetta e  proporzionata, egli dipingesse da sdraiato.

*****

  • Se ti piace ricevere queste pilloline segui il blog usando il form a pie’ di pagina, oppure il canale Telegram per ricevere le notizie direttamente sul telefonino.

Mi sembra di averti detto tutto, quindi, alla prossima!🤣

Pubblicato in: Monumenti

Costruzioni monumentali: Colosseo

Carissimo/a history lovers, buon pomeriggio!

«Il cuore di Roma non è il marmo del Senato, ma la sabbia del Colosseo»

Cit. del senatore Gracco da “Il Gladiatore” film del 2000 che a suo modo ha fatto la storia.

Forse sarebbe stato più corretto dire dell’Anfiteatro Flavio, visto che il nome Colosseo è successivo all’epoca romana, ma chi siamo noi per sindacare su tali dettagli quando un’opera comunque ci dà emozioni?

La verità è che la storia di Roma e degli antichi romani ci affascina perché ci appartiene. Siamo tutti un po’ romani in fin dei conti e lo dimostra anche il risultato del sondaggio di settimana scorsa che dichiara il Colosseo come monumento preferito nei nostri cuoricini ❤

Se per la Reggia di Caserta non ero sicura che tutti la conoscessero, per il Colosseo non ho la minima incertezza, perché è fuori ombra di dubbio il simbolo dell’Antica Roma ed è oggi l’emblema della Capitale d’Italia. Tuttavia qualcosa devo pur dirla 😀

Buona lettura. 😀

«Siamo nel lontano 72 d.C. quando l’allora imperatore Vespasiano della dinastia Flavia diede l’ordine di iniziare la costruzione di tale anfiteatro capace di ospitare un pubblico stimato tra le 50.000 e le 75.000 persone. L’Anfiteatro Flavio fu ultimato sotto la direzione di Tito e inaugurato nel 80 d.C. con cento giorni di giochi (Pensate quanti pochi anni per costruire quel po’ po’ di roba). Da quel momento fu utilizzato per allietare il popolo romano attraverso svariati spettacoli d’intrattenimento che riguardavano i gladiatori, ma non solo, al suo interno venivano effettuate anche delle rappresentazioni teatrali di drammi e rievocazioni. Intorno al VI secolo non fu più adoperato come da idea iniziale. Da quel momento fu trasformato in deposito di materiali fino a quando non divenne il simbolo della città e quindi meta turistica.»

*****

Se vuoi aggiungere qualcosa lascia un commento, è bello saperne sempre di più 😀

Se ti piace quello che scrivo, segui il blog usando il form a pie’ di pagina, oppure il canale Telegram per ricevere le notizie direttamente sul telefonino.

Mi sembra di averti detto tutto, quindi, alla prossima!🤣