Pubblicato in: Curiosità

Scozia: Battaglia di Langside

Carissimo/a History Lover, buon momento!

Torna Maria Stuarda …

In occasione del quattrocentocinquantunesimo anniversario della Battaglia di Langside, ecco un piccolo sunto dell’evento, tanto per saperne qualcosina. 

*****

Scozia, Longside, 13 maggio 1568
“Che io sia maledetto, se verserò volontariamente il sangue del mio popolo. Farlo, sarebbe come recidermi una mano e perdere l’uso della spada

*****

La Battaglia di Langside si inserisce nella faida familiare scoppiata tra Mary Stuart e il fratellastro James Stewart, conte di Moroy.
Per evitare di ripetere sempre le stesse cose e risultare noiosa, ti consiglio di leggere prima l’articolo: La fuga di Mary Stuart, così avrai ben chiara la situazione scozzese di quel periodo.
In breve la questione era la seguente:
Ricollegandomi proprio all’articolo precedente, posso dirti che dopo la fuga dal Castello di Loch Leven, Mary riunì gli uomini che le erano ancora fedeli per cercare di riprendersi il trono. (Perché… Quando era stata imprigionata a Loch Leven con l’accusa di aver fatto assassinare il secondo marito Enrico Stuart, Lord Darnley, era stata costretta ad abdicare in favore del figlio Giacomo, il quale, essendo ancora piccolo necessitava di un reggente. Il Reggente, nonché voce del potere fu proprio James Stewart, il fratellastro di Mary.)

La Battaglia di Longside è proprio il fulcro di questa faida. Da un lato c’era nominalmente la regina deposta regina Mary Stuart che dichiarava di essere stata costretta con la forza ad abdicare, (a fare le sue veci, in campo, era presente Archibald Campbell, quinto conte di Argyll) dall’altro lato c’era il Reggente Jemes Stewar, che aveva tutta l’intenzione di far valere quella rinuncia e il ruolo conquistato.

Lo scontro fu meno brutale del previsto, in quanto ambo le parti cercarono di ridurre lo spargimento di sangue. Questa fu principalmente la missione del Reggente di Scozia.
La somma dei due eserciti raggiungeva un totale di 10.000 uomini (4000 per il Reggente e 6000 per la Regina)
Con ogni probabilità il numero delle vittime fu di 1 uomo per il Reggente e di 100 per la Regina.

#Curiosità
Lo scontrò finì con la vittoria schiacciante del Reggente. La Regina, che per tutto il tempo si era tenuta lontana dallo scontro, si allontanò dal castello nel quale si era nascosta per raggiungere la cara cugina inglese che le aveva promesso aiuto. Per chi se lo fosse dimenticato la cugina era Elisabetta I d’Inghilterra.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi può essere interessato/a.

Se hai altro da aggiungere lascia un commento.

Non dico altro. Alla prossima!

Immagine. Dipinto di Sir John Lavery

Pubblicato in: Curiosità

La Fuga di Mary Stuart

Difficile a credersi, ma torna sul blog Mary Stuart o
Maria Stuarda!

Carissimo/a History Lover, buon momento!😊

In occasione del quattrocentocinquantunesimo anniversario della Fuga di Mary Stuart dal castello/prigione di Loch Leven, ecco un piccolo sunto dell’evento, tanto per saperne qualcosina.

*****

Scozia, 2 maggio 1568
Le iridi ambrate di Maria Stuarda si posarono distrattamente sul cielo notturno coperto da nuvole nere, prima di osservare con attenzione il terreno sottostante in cerca di un movimento. Ringraziò il Signore per quella oscurità naturale e, pregò, fin nell’intimo, che quella minaccia di pioggia rendesse le guardie meno operose.
Uno spostamento furtivo dal muro di cinta la mise in allerta e la incitò ad agire. Come aveva provato e riprovato mentalmente un migliaio di volte, uscì dalla stanza. Con passi misurati avanzò lungo gli stretti corridoi di quella fortezza in pietra. Si mosse senza fretta, come se non stesse pensando alla fuga, come se, quelle pareti, non l’avessero soffocata fino a quel momento.

Aveva già raggiunto l’esterno quando sentì chiedere,«Dove state andando?»
Una voce alle di lei spalle la gelò sul posto, ma non palesò alcun sentimento. Si volse a guardare l’interlocutore con una sicurezza innata e altrettanto convinta rispose, «Avevo necessità di fare una passeggiata, guardia. Cos’altro avrei potuto fare?» replicò la donna con tono ironico, «siamo su un’isola e non so nuotare.» La guardia soppesò le parole e annuì, ma non ebbe modo di fare altro, perché un colpo alla nuca lo fece rovinare al suolo. Un altro uomo era spuntato alle di lui spalle. «Maestà!» la omaggiò con rapido inchino. «Venite, c’è una barca che vi aspetta.»
Maria sorrise sollevata e si augurò, che con quella fuga, potesse riavere la sua corona, ma più di tutto, la sua vita.

*****

Come avrai notato, ultimamente il nome di Mary Stuart è comparso in diversi articoli e, quello di oggi, rimarcherà il suo animo indomito.
La cara Mary Stuart, regina di Scozia (1542-1587), ebbe una vita movimentata e, il suo cuore, fu spesso ammaliato da baldi giovanotti.
Fin da giovanissima fu promessa sposa di Francesco di Valois e quando ne divenne la moglie lui divenne re con il nome di Francesco II di Francia.
Successivamente convolò a nozze con Enrico Stuart, Lord Darnley, ma molti scozzesi erano contrari (tra cui il fratellastro di Maria, Giacomo Stewart, conte di Moray). Mentre era sposata con Lord Darnley, pare che la cara Mary avesse una relazione sentimentale anche con il segretario personale Davide Rizzio. (A causa di questo legame improprio, Davide Rizzio fu assassinato e pare che, tra i mandatari, ci fossero anche Lord Darnley e il conte di Moray.)
Il caro re consorte, mosso da chissà quale senso di colpa, confessò tutta la verità a Mary, rivelando anche i nomi dei cospiratori. Come ben sappiamo: “Chi fa la spia non è figlio di Maria”, indi per cui… gli stessi cospiratori, perdonati dalla sovrana, fecero assassinare il re consorte [10 febbraio del 1567] . (Che macello!)
Il dolore per la perdita del marito fu talmente tanto intenso, che decise di sposare il suo nuovo protettore James Hepburn, IV conte di Bothwell, che lei nominò I duca di Orkney [15 maggio del 1567 con rito protestante]
Preciso che Mary Stuart era una Regina Cattolica e il suo governo subì notevoli problemi proprio a causa della lotta tra Cattolicesimo e Protestantesimo (Anglicanesimo).
Quest’ultimo matrimonio fece insorgere tutta la popolazione contro di lei. Le motivazioni erano: 1-marito protestante 2-si era sposata troppo presto, quindi, girava voce che fosse complice dell’assassinio del secondo marito con la complicità del terzo.
A causa di questa insinuazione, la regina Mary Stuart venne imprigionata nell’estate nel 1567 (dopo il terzo matrimonio) dal fratellastro Giacomo Stewart, conte di Moray.
Si racconta che, il 2 maggio 1568, dopo aver abdicato in favore del figlio Giacomo, Mary riuscì a fuggire dal castello di Loch Leven in cerca di rivalsa. (Finì per chiedere asilo alla cugina Elisabetta I 🤦‍♀️)

#Curiosità
Poco dopo aver raggiunto il castello di Loch Level, Mary abortì spontaneamente due gemelli.

Spiegare i vari passaggi e personaggi che hanno caratterizzato un pezzo di Storia è un po’ complesso e farlo in un solo articolo direi che è impossibile. Ovviamente, cerco sempre di fare del mio meglio, mi auguro di esserci riuscita.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti, di condividerlo con chi può essere interessato/a.

Se hai altro da aggiungere lascia un commento.

Alla prossima!

Immagine presa dal web

Pubblicato in: serie tv

Sta per arrivare: Maria Regina di Scozia

Carissimo/a History lovers, buon momento!

Giacché amiamo la Storia e i romanzi storici, adoriamo anche e in modo particolare le trasposizioni sul piccolo o grande schermo.

E la notizia che sto per darti riguarda proprio i nostri interessi.

DA GIOVEDì 17 GENNAIO 2019, IN TUTTI I CINEMA O QUASI,  verrà trasmesso il film inglese dal titolo MARIA REGINA DI SCOZIA.  Ricordo che gli orari e i giorni di programmazione sono a discrezione del cinema di riferimento.

Questo film ci racconterà la vita della regina Maria Stuarda, conosciuta come Mary Stuart, la quale fu una delle donne più determinate del suo periodo. Sicuramente sarà una storia ricca di intrighi e combattimenti (lo dice il trailer e lo dice la Storia, visto che Maria, in tutta la sua vita, non ha fatto altro che lottare, sia per rimanere sul proprio trono in Scozia, sia per rivendicare quello di Inghilterra. Ovviamente l’attendibilità storica la scopriremo solo vedendo il film. 😂

Comunque sono entusiasta all’idea di vederlo e tu?

Tanto per riassumere…

«Maria Stuarda nacque a Linlithgow l’ 8 dicembre del 1542 e morì a Fotheringhav il 14 dicembre 1587. Figlia del re Giacomo V di Scozia e di Maria di Guisa, Maria fu regina di Scozia fin da neonata e regina consorte di Francia per matrimonio. Ebbe una gioventù complicata, sempre in fuga perché vittima di intrighi e di tradimenti. Per la ragion di Stato si sposò tre volte. Il primo matrimonio (1558-1560) fu con il delfino di Francia Francesco di Valois che divenne re di Francia con il titolo di Francesco II. In seconde nozze Maria sposò Enrico Stuart, conosciuto come Lord Darnley (1565-1567), dal quale ebbe un figlio, Giacomo Stuart. La regina di Scozia si sposò anche una terza volta, il fortunato fu James Hepburn, I duca di Orkney (1567-1578). L’unico figlio di Maria divenne Giacomo VI di Scozia e I d’Inghilterra, infatti, fu il primo re britannico a riunire la Scozia e l’Inghilterra. L’attuale regina del Regno Unito discende da Maria Stuarda.»

 

P.S: un messaggio ai registi/produttori di tutto il mondo, c’è anche la storia di Carlo di Borbone che può essere raccontata attraverso un film o una serie tv, perché è scenografica ed emozionante. Se non mi credete cliccate qui.

Continuo a provarci perché tentar non nuoce 😇🌷 

Alla prossima!

Immagine presa dal web