Pubblicato in: Carlo e Maria Amalia

Carlo e Maria Amalia, come non li avete mai visti

Carissimi History lovers, buon momento!

Sono giorni che faccio cose diverse dall’ordinario. In realtà, lavorando per un nuovo cliente sto scoprendo cose curiosissime, che man mano vi svelerò, tanto per rendervi partecipi. 🙂

Indi per cui…

Ecco a voi, una versione inedita di Carlo di Borbone e Maria Amalia Wettin.

I sopracitati individui, formano una coppia di sovrani, realmente esistiti, il cui amore è rimasto nella storia. ❤️

Di seguito, un frame di com’erano durante il loro primo . (facendo fede ai ritratti)
.
I due si sposarono per procura nel maggio del 1738 (a distanza e senza conoscersi)
.
Si incontrarono a Portella il 19 giugno dello stesso anno.
Lui aveva 22 anni.
Lei ne doveva compiere 14 a novembre.
.
Lui era un uomo buono con il potenziale per essere un marito innamorato, un padre affettuoso e un sovrano illuminato. 🤴
.
Lei era una ragazzina arguta con il potenziale per essere una moglie innamorata, una madre affettuosa e una sovrana amata anche dal popolo. 👸
.

Maria Amalia Wettin di Sassonia
Carlo di Borbone
Carlo III di Spagna

La loro incredibile vita su Amazon e Ku.

A presto con altre chicche. 😉

Pubblicato in: Carlo e Maria Amalia

Maria Amalia Wettin, una regina dal grande cuore

Carissimo/a history lover, buon momento!

Per chi ancora non lo sapesse…

È con infinita gioia (🤦‍♀️) che vi comunico tale notizia: oggi, Maria Amalia Wettin, (moglie del mio Carlo e regina consorte di Napoli, Sicilia e Spagna) compirebbe 296 anni. 

A U G U R I ! 🤣

Era il lontano 24 novembre 1724 quando, in una delle stanze padronali di palazzo Zwinger in Dresda, si sentì il primo vagito di Maria Amalia Wettin.

Aspetta, con ogni probabilità accadde così

Le dita di Maria Giuseppa d’Austria stringevano le lenzuola con forza quando emetteva quelle grida di dolore e di speranza, mentre all’esterno, un silenzio innaturale aveva circondato l’intero palazzo di Zwinger, come se anche il cielo fosse in attesa del nuovo erede.Maria era stremata e madida di sudore, ma non poteva arrendersi al dolore chele martoriava le membra, soprattutto, non a un paio di spinte dalla fine. La Regina, sua madre, l’aveva istruita fin da bambina sui suoi compiti e sapeva bene che generare figli sani e forti capaci di continuare la dinastia del marito fosse il suo dovere. Ripensò al primo figlio, Filippo Augusto, che aveva vissuto talmente poco da essere dimenticato persino dal marito e un dolore diverso da quello fisico le squarciò il petto. A quel pensiero ne seguì un altro, era sul piccolo Giuseppe Augusto, nato pochi mesi dopo la morte del primo, lo ricordò pallido ed emaciato com’era e un’altra fitta le scosse il cuore mozzandole il respiro.

Signore, ti prego, fa’ che questo bambino sia in salute! Pregò in silenzio, continuando stoicamente a spingere.

Non era da biasimare per quella preghiera, perché non era mossa da egoismo, ma da amore. L’amore di una madre,che non aveva potuto assimilare la perdita e sfogare la sofferenza.

«Maestà! Non fermatevi ora!» udì d’improvviso, destandosi così dai suoi pensieri.

Senza neanche rendersene conto aveva lasciato che l’amaro della sua esistenza la imbrigliasse, bloccandone i movimenti. Riprese a spingere pensando al suo terzogenito Federico Cristiano,così gioioso da infonderle un po’ di forza e una buona dose di coraggio. Poteva farcela. Poteva generare altri figli sani e lo avrebbe fatto. Rinvigorita da quella consapevolezza intrisa di speranza, diede le ultime faticose spinte.
Il vagito della creatura risvegliò il palazzo e il cuore della principessa che, esausta, crollò sui morbidi cuscini.
«È una bella bambina!» la informò la levatrice finendo di pulirla.
Con delicatezza fasciò la piccola con una calda coperta e la portò alla donna che, stancamente, la prese tra le braccia. La principessa ne scrutò il volto paffuto, l’espressione dolcemente imbronciata e non poté evitare di sorridere rilassando le membra. Poi alzò gli occhi al cielo e con il cuore gonfio di gratitudine sospirò: «Grazie, Dio, per questo angelo in salute.»
Dopo aver dato un bacio alla figlia ordinò con voce chiara ed emozionata allo stesso tempo: «Chiamate le serve per riordinare la camera affinché possa accogliere mio marito.»
La dama, fino a quel momento rimasta ai margini della stanza, annuì, prese la bambina e sparì oltre la porta per fare come ordinato. Le donne che entrarono nella camera poco dopo, si adoperarono subito per eseguire quel compito. Aprirono le imposte per lasciare che refoli di vento bianco lavassero via l’odore del parto, mentre rassettavano la stanza e preparavano la donna.
Quando Federico Augusto di Sassonia fece il suo ingresso, la stanza era pulita e profumava di fresco, come la moglie, che appariva in ordine nonostante la naturale stanchezza.
L’uomo la raggiunse e le posò un bacio sulla fronte prima di osservare la bambina che ella aveva in grembo. Con particolare attenzione ne ammirò le paffute guance rosa e le sorrise.
«È in salute!» pronunciò senza particolari inflessioni nel tono.
«Sì, mio caro.»
Il nobiluomo abbozzò un sorriso mentre prendeva la bambina tra le braccia e, dopo averle posato un bacio sulla fronte,sussurrò: «Benvenuta, Maria Amalia Wettin,  piccola duchessa di Sassonia».

Estratto da Carlo e Maria Amalia un amore reale

«Maria Amalia Christina Franziska Xaveria Flora Walburga, conosciuta dai più come Maria Amalia Wettin di Sassonia, (sorella minore di Federico Cristiano e maggiore di Maria Giuseppina, Francesco Saverio e tanti altri. Ma loro in particolare e chi mi conosce sa il perché😉) nacque a Dresda il 24 novembre del 1724 e morì a Madrid il 27 settembre del 1760. Figlia dell’allora principe elettore Federico Augusto Wettin e di Maria Giuseppa d’Austria, Maria Amalia fu duchessa di Sassonia per diritto di nascita. regina consorte di Napoli e di Sicilia e poi di Spagna per matrimonio. Ebbe un’infanzia dedita allo studio, in cui i suoi unici doveri erano quelli di prepararsi per essere una donna e una moglie di Stato. Per merito di un volere superiore sposò Carlo Sebastiano di Borbone, in quel momento re di Napoli di Sicilia. Fu una moglie comprensiva, devota, sostenitrice e una madre amorevole. La coppia ebbe tredici figli.»

Maria Amalia Wettin era una donna intelligente e buona. Le caratteristiche personali di cui era dotata hanno fatto in modo che fosse amata dal marito in modo profondo, dai figli e dal popolo.

Fu un supporto per il consorte e, insieme, furono in grado di gestire i regni di Napoli e di Sicilia in modo impeccabile, portandoli ai livelli delle grandi potenze del periodo.
🥰

Insieme al marito hanno realizzato tante cose.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi può essere interessato/a.
Alla prossima!

Pubblicato in: Carlo e Maria Amalia

Separati per amore

Carissimi history lovers, buon momento!

Tanto per rimanere in tema oggi vi racconto una storia.😊

Ogni secolo aveva e forse ha la sua epidemia, se non più di una e, nel XVIII secolo,
(secolo da me amato) ebbe grande influenza il vaiolo.

Carlo Sebastiano di Borbone ebbe il vaiolo, in forma lieve, nel 1732, mentre si recava per la prima volta in Italia.

Nel mese di febbraio del 1739 si ammalò di vaiolo proprio Maria Amalia Wettin e, com’era logico, fu separata dal marito perché, la prima forma di prevenzione è da sempre evitare il contatto per non diffondere la malattia.

ATTENZIONE SPOILER😀
Amalia guarì, ma rivide il marito a marzo, dopo oltre un mese di separazione.

Di seguito un estratto dal mio romanzo storico e ricordate;
Io resto a casa.

Separati per amore (la distanza di sicurezza è un gesto d’amore verso noi stessi e il prossimo) 💙

Capitolo 36 di Carlo e Maria Amalia-un amore reale

Primi giorni di febbraio 1739
La cena stava proseguendo con il classico cicaleccio di sottofondo che sfociava spesso in risate o semplici risolini di Corte. La coppia Reale se ne stava seduta, uno di fianco all’altra in composto silenzio. Il loro tavolo diretto ai convitati, sovrastava l’intera sala di alcuni gradini e li poneva in bella vista agli occhi dei loro nobili sudditi. Un sorriso appena accennato ammorbidiva entrambi i volti al solo scopo di apparire felici, forti e in salute.
«Pensavo», disse Carlo alla moglie, «vi piacerebbe se andassimo a teatro, una di queste sere?»
«Ne sarei lieta» rispose la regina asciugando con un gesto casuale le gocce di sudore che le bagnavano sotto il naso.
Uno spasmo incontenibile la fece vibrare senza possibilità di celarlo.
«Vi sentite bene?»
La domanda del marito suonò allarmata, mentre le puntava sul volto uno sguardo apprensivo.
«Certo», mentì, «anzi, sarei ben felice di vedere l’edificio da voi tanto voluto.»
«Ne rimarrete abbagliata. Il Reale Teatro di San Carlo è il primo nel suo genere ed è anche molto capiente.»
Amalia sorrise del suo entusiasmo e confessò: «Non serve che lo elogiate, sono sicura che abbiate fatto un buon lavoro.»
Un brivido la costrinse a strofinarsi le braccia con un gesto involontario, fu in quel momento che il Re le prese una delle mani che teneva strette in grembo, trovandola calda.
«Voi non state bene», sentenziò guardandola torvo, «non dovete mentirmi e non dovete trascurarvi.»
Spostò lo sguardo in cerca della dama, che era seduta di fianco al suo fidanzato e attirò la di lei attenzione sollevando solo l’avambraccio. Rapida si alzò per avvicinarsi alla coppia reale.
«Vostra Grazia, desiderava parlarmi?» chiese dopo aver effettuato l’usuale riverenza.
«Sua Altezza non si sente bene. Vi affido il compito di accompagnarla nel suo appartamento e di far chiamare il medico affinché le presti le cure necessarie.»
Anne annuì senza neanche rispondere e si portò al lato della regina che, nel mentre, elegante e fiera come sempre, si era alzata e la precedeva nell’uscita. Dimostrando in tal modo a tutta la Corte, di non avere il minimo malanno. Troppe voci correvano sulla sua salute cagionevole e, mostrarsi debole al popolo, non era di certo un buon segno.
Non appena Maria Amalia fu uscita dal grande salone, si piegò leggermente per chiedere sostegno alla propria dama.
«Maestà, cosa succede?»
«Temo di essermi ammalata nuovamente» sospirò guardando con pesante rassegnazione la lunga scalinata che doveva condurla al piano superiore.
Un moto d’angoscia le lambì l’animo quando le gambe vacillarono sotto il suo esile peso. Aggrappata da un lato al marmoreo corrimano e dall’altro a Anne, iniziò quella interminabile salita.
Se solo avessi immaginato un simile indebolimento non sarei mai scesa. Pensò fermandosi, mentre tamponava il sudore dalla fronte con una mano tremante.
«Maestà lasciate che chiami qualcuno» implorò con apprensione, non l’aveva mai vista tanto debole.
«No», soffrì a fiato corto, «non possiamo fidarci di nessuno.»
Con entrambe la mani si aggrappò al freddo marmo che, per un attimo, le regalò sollievo.
«I vostri servitori vi sono fedeli…»
«Non dimenticate che il nuovo Primo Ministro è anch’egli spagnolo e, pertanto, la sua fedeltà andrà sempre alla Spagna. Avrà tante spie» soffiò senza respiro. Era riuscita a resistere in quella sala tutto il tempo necessario, ma quello sforzo stava ledendo la sua energia. Ancora ferma in quella presa aggiunse: «Non possiamo rischiare che la Spagna si metta contro di me. La mia posizione è troppo precaria, lo sento.»
Con un notevole sforzo riprese a salire, passo dopo passo con una lentezza infinita. Il moto di sconforto che l’avvinse fu talmente grande da rendere le successive parole rauche: «Fermiamoci un momento.»
Nuovamente aggrappata alla balaustra Amalia tentava di ritrovare la forza, ma si sentiva troppo debole e le sue gambe cedettero d’improvviso. Cadde sulle ginocchia con il rumore di una piuma.
«Maestà!» si affrettò la dama per sollevarla, ma la Regina rifiutò con un cenno del capo.
Un rumore di passi affrettati le fece sussultare. Amalia tentò di alzarsi mentre Anne si girava per vedere chi fosse. Il capitano fece la sua comparsa come un’apparizione.
«Vostra Maestà!» si lanciò accanto alla propria sovrana, «Lasciate che vi aiuti.»
La regina sollevò gli occhi chiari e acquosi in quelli dell’uomo e percepì uno strano appannamento.
«Permettete?» chiese ancora, preoccupato.
Amalia annuì, prima di scivolare inerme nell’incoscienza.
Senza il minimo sforzo fece scivolare il braccio attorno a quella vita sottile e la condusse rapido nell’appartamento reale, senza di fatto, incontrare nessuno.
«Adrian, vi prego, potete far chiamare il medico. Io mi devo occupare di lei.»
«Certo» acconsentì, correndo oltre i corridoi.

La diagnosi fu unanime: vaiolo.
Erano trascorse alcune ore da quando era stato espresso il verdetto e, nonostante gran parte del Palazzo dormisse, un’altra lavorava alacremente per la prossima partenza del re.
«Dovreste riposare» suggerì il Capitano alla propria fidanzata.
«Temo che non vi riuscirei, Adrian» ammise, continuando a guardare l’affaccendarsi della servitù che caricava le carrozze. «Come ho potuto non accorgermene?» inquisì più a se stessa che a lui. Si volse a guardarlo con gli occhi lucidi di apprensione. Von Dreje l’attirò a sé per confortarla con un abbraccio nel quale ella si lasciò sfuggire un drammatico: «Potrebbe morire.»
«È più forte di quanto si pensi» ribatté facendole piccole carezze sulle spalle tremanti e tentando in tutti i modi di alleviarle la pena.

I giorni si susseguirono lenti e silenziosi. All’esterno della stanza reale vi era Anne, alla quale non era concesso di assistere la propria Sovrana,la quale attendeva in quel salottino l’uscita dei medici e degli infermieri per accertarsi del suo stato di salute e, ogni volta, le risposte erano monocorde e insufficienti.
Oltre il legno ricamato della porta, invece, vi era Amalia.
Il buio inquietante che avvolgeva il suo talamo era solo un piccolo ritaglio di quell’impietosa malattia. A occhi chiusi se ne stava immobile come una statua, costringendosi a fare anche piccoli respiri per timore che il minimo movimento potesse, se possibile, aumentare quel tormento. Un bruciore insostenibile le aveva invaso la bocca e la gola, martoriando con la sua discesa ogni singolo organo interno. Nonostante il suo interno fosse in fiamme, era l’esterno che le causava maggiore pena. Percepiva la propria epidermide infiammata da un costante prurito. Quando erano comparse le prime bolle rosse aveva sbirciato, ma quando esse erano diventate vescichette acquose, non aveva avuto più il coraggio di farlo. Un’altra ondata di prurigine le lambì il corpo, ma si astenne da ogni gesto impulsivo: si concesse solo di stringere i lembi del lenzuolo con le dita.
Carlo, nel mentre, aveva trovato nuovamente ospitalità a Portici, nella Villa d’Elbeuf.
«Maestà, posso farvi servire qualcosa da bere?» domandò, Emanuele Maurizio di Lorena duca d’Elbeuf, dopo aver osservato un lungo silenzio.
«Gradirei un bicchiere di Porto. Credo di averne bisogno.»
«Cattive notizie da Napoli?»
«È della dama personale della regina», rispose sollevando la lettera che teneva ancora in mano, «non vi sono notizie, per ora, i medici dicono che non ci resta che pregare.»
Il duca era un uomo attempato che aveva avuto la fortuna e l’accortezza di ospitare la coppia reale quando, tempo addietro, era stata costretta a trovare riparo sulla costa porticese a causa di un fortunale nel golfo. Dopo quel primo rifugio, egli era diventato un buon amico del re ed era per tale ragione, che Sua Altezza Reale attendeva di conoscere le sorti della propria sposa nella di lui dimora. Non che gli piacesse essere fuggito in quel modo da Palazzo, ma era parere unanime del consiglio, che egli non rischiasse una ricaduta.
La vostra sorte è di vitale importanza per Napoli, il Regno e il popolo tutto.
«Mi duole sapervi in questa incresciosa situazione», disse il Duca sedendosi dinanzi al re, «e, ancor più, sono addolorato per Sua Altezza la regina, ella è beneamata da tutti.»
Carlo lo guardò e annuì, prima di prendere il bicchiere di Porto e trangugiarlo con una sola sorsata.
«Pregherò per la di Lei guarigione» aggiunse sincero.
«Ve ne sono grato», rispose, «ora però desidero stare da solo.»
Il duca si congedò rapido, poiché, nonostante fosse il proprietario di quella villa, l’altro era il suo sovrano e dunque il padrone di ogni cosa, compresa la sua stessa vita.
La separazione fisica però, fu unita da un’unica e grande preghiera per la salute della sovrana.

Che state facendo?
Alla prossima!