Pubblicato in: News sul XVIII secolo

Nella data di oggi nacque un grande RE

Carissimo/a history lover, buon momento!

È con infinita gioia (🤦‍♀️ ) che vi comunico tale notizia: oggi, Carlo Sebastiano di Borbone avrebbe compiuto 306 anni.

A U G U R I !😁

Era il lontano 20 gennaio 1716 quando, da una delle stanze padronali del palazzo Real Alcázar in Madrid, si sentì il vagito dell’Infante di Spagna Carlo Sebastiano di Borbone. A quel tempo non si poteva presumere il tipo di uomo che sarebbe diventato e, ancor meno, immaginare quale futuro avrebbe avuto ma, di certo, entrambe le incognite furono di gran lunga superate dalla realtà.

«Carlo Sebastiano di Borbone e Farnese, nacque a Madrid il 20 gennaio del 1716 e ivi morì il 14 dicembre del 1788. Figlio del re di Spagna Filippo V e della regina Elisabetta Farnese, Carlo fu Infante di Spagna alla nascita, duca di Parma e Piacenza per diritto, re di Napoli e Sicilia per conquista e Re di Spagna. Ebbe un’infanzia e un principio di adolescenza spensierata, in cui i suoi unici doveri erano la caccia e la comprensione delle arti. L’età adulta, invece, fu sufficientemente ricca di avvenimenti, i quali gli hanno conferito la fama di “re illuminato”. Per merito di un volere superiore sposò Maria Amalia Wettin, figlia dell’allora principe elettore di Sassonia. Fu un marito assai devoto e un padre amorevole. La coppia ebbe tredici figli.»

Carlo Sebastiano di Borbone, era un uomo intelligentebuono e onesto. Le caratteristiche personali di cui era dotato hanno fatto in modo che sedesse su uno dei troni più ambiti del periodo, ovvero quello di Napoli, divenendone il primo Re ivi vivente. Nonostante durante la sua giovinezza egli si sia lasciato molto influenzare dalle decisioni familiari, con il tempo è riuscito a far emergere la propria natura diventando a tutti gli effetti artefice del suo destino.

A distanza di anni questo sovrano viene ancora ricordato dalla popolazione partenopea con nostalgia, (anche se non lo hanno conosciuto) perché durante il suo regno ci furono molteplici innovazioni mentre, tutte le altre persone, lo rammentano per la sua grande capacità di valutare le situazioni, di rinnovare le attività, di modificare l’organizzazione e le tecniche lavorative, oltre per la sua grande passione per l’arte e per le incantevoli costruzioni da lui volute. Fu un sovrano molto amato, soprattutto nei regni di Napoli e di Sicilia, mentre in Spagna, il suo governo fu un po’ altalenante (Non vi dico il perché🤐).

Viste le sue fortune fu un uomo felice? Chi può dirlo. La storia riporta aneddoti, più o meno lieti, ma se amasse o no la sua vita credo che rimarrà un mistero. Tuttavia, io credo di sì, perché ebbe la fortuna di sposare una donna meravigliosa e di amarla ed essere amato a sua volta.

Se vuoi approfondire la conoscenza di questo personaggio, ti consiglio i seguenti articoli:
Il primo sistema fognario coperto di Napoli;
Curiosità su Carlo di Borbone;
Il re dell’innovazione;
La battaglia di Velletri;
Il presepe alla corte dei borbone;
Il piatto preferito di Carlo;
Un simbolo del cuore di Carlo;
Qual è il tuo personaggio storico preferito;
Parma: palazzo ducale del giardino;
Parma: sala del bacio;

***********

Portella, 19 giugno 1738
La mente della giovane continuava ad assorbire con vivo interesse ogni minuzia dell’ambiente che la circondava. Ammirava con garbo, la rigida nobiltà ai lati del suo passaggio e le decorazioni floreali che imprimevano nell’aria un profumo gradevole. Ogni pensiero o considerazione però le sfuggì, quando gli occhi si posarono sul fondo dell’ampia navata. Su un rialzo vi erano alcune persone, primo fra tutti, per austero portamento, un giovane uomo vestito di chiaro.
Avida di conoscenza iniziò a studiarne la forma, certa, che egli fosse il proprio sposo.
Da quella distanza non le era possibile stabilirne l’altezza, ma di sicuro non era esile come il ritratto lo aveva dipinto. La curiosità partì con un po’ di imbarazzo dalle scarpe nere lucide, per poi salire lungo le gambe snelle e sfiorare il tessuto della giacca color ocra che gli fasciava le spalle dritte.
Più diminuiva quella distanza, più le sembianze dell’uomo erano chiare. Le gambe non erano snelle, ma muscolose, la vita era asciutta. Le mani erano strette a pugno, sintomo che fosse nervoso quanto lei. Ora riusciva a distinguere i ricami d’oro e d’argento che adornavano la giacca e che mostravano i muscoli tesi delle braccia. Con un timore quasi reverenziale sollevò lo sguardo sulla mascella contratta, per poi spostarsi sulle labbra serrate e, infine, fermarsi nell’azzurro imperscrutabile dei suoi occhi.
La risposta del proprio corpo a quello sguardo fu quella di bloccarsi, il cuore, invece, accelerò furioso nel petto in preda al panico.
Non sono di suo gradimento! Riuscì a pensare, mentre l’ossigeno faticava per riempirle i polmoni. Avrebbe voluto raccogliere le gonne e correre lontano da quell’uomo che la stava fissando in un modo così poco rassicurante, ma non poteva fuggire, né da quella tenda né da quel marito. Le mani, che teneva strette davanti a sé, ora erano diventate umide di sudore.
Carlo, invece, dall’alto della sua pedana osservava con evidente preoccupazione l’avanzare della sua sposa. Era graziosa, proprio come aveva intuito, anche se il suo corpo appariva molto più acerbo di come aveva creduto. Gli fu subito chiaro che lo stesse studiando con timido interesse e la lasciò fare, nonostante temesse che ne sarebbe stata delusa.
Rimase immobile con gli occhi fissi sul suo giovane viso, studiandone le micro espressioni, fino a quando i loro occhi non si scontrarono. Quella giovane possedeva dei begl’occhi, talmente rari e svegli da apparire brillanti, ma mentre ne ammirava il naturale splendore si adombrò per l’improvviso alone di smarrimento che gli parve di vedere.
Rigido come era per la tensione di non piacerle, aveva quasi smesso di respirare, ma quell’ansia che aveva pervaso la moglie lo animò ad agire. Egli era il re, e non lo sarebbe stato di meno se si fosse comportato come il cuore gli suggeriva. Poteva solo immaginare come doveva sentirsi impaurita la sua sposa, così giovane e sola in un paese sconosciuto, con persone estranee e un marito per procura. Egli stesso, che era più maturo e vittima di minori cambiamenti, si sentiva turbato.
Sicuro di fare la cosa giusta, rilassò i muscoli del viso ammorbidendoli con un sorriso. Quasi come l’immagine riflessa in uno specchio, la vide sorridere a sua volta.
Possiede un bel sorriso! Pensò, scendendo dal palchetto per raggiungerla, mentre tutto intorno si levava un mormorio di disappunto.
Con il cuore in tumulto Amalia lo vide avvicinarsi, sicuro e aggraziato nei suoi vestiti eleganti. Sopraffatta dalla potenza di quello sguardo rimase ferma a guardarlo come se fosse ammaliata dai suoi movimenti. Con una punta di piacere si accorse che, come lei, non indossava un’odiosa parrucca, ma portava i capelli castani legati in una coda bassa.
Lo vide fermarsi a un passo da lei e il respiro le si bloccò in gola a quella vicinanza improvvisa. Nonostante la superasse in altezza solo di pochi centimetri, si sentì ugualmente avvinta dalla sua imponenza. Deglutendo a vuoto tentò di ricomporsi, ricordando solo in quel momento il proprio dovere, ma il re fu più rapido. Con una mano prese quella di lei portandosela alle labbra, mentre con l’altra le sfiorava il piccolo gomito nel chiaro invito a non inginocchiarsi.
La sorpresa che lesse in quegli occhi chiari scaldò il cuore di Carlo, che azzardò: «Mia sposa. Mia regina. Benvenuta!»

Estratto da Carlo e Maria Amalia un amore reale

***********

Nel caso tutto ciò non ti sia bastato e volessi saperne ancora di più, c’è anche il mio romanzo che trovi qui.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, nel caso la risposta fosse affermativa, ricordati di lasciare un like e di condividere. È un modo carino per sostenere me e il mio blog. 😀
Alla prossima!

Pubblicato in: News sul XVIII secolo

Trattato di Jay 1794

Carissimo/a History Lover, buon momento!

In occasione dell’anniversario della firma sul Trattato di Jay o trattato di Londra, avvenuta niente poco di meno che il 19 novembre 1794
(ma vah! 🤣), vi dico due paroline a riguardo.
Nel caso te lo stessi chiedendo, il suddetto trattato fu stipulato tra Stati Uniti d’America e Gran Bretagna per risolvere i problemi rimasti in sospeso a seguito della fine della Guerra di Indipendenza Americana. (conflitto che coinvolse le tredici colonie nordamericane [Successivamente divenuti Stati Uniti D’America] e il regno di Gran Bretagna, tra il 19 aprile 1775 e il 3 settembre 1783)

P.S.: In modo semplicistico l’origine della Guerra di Indipendenza Americana, si può riassumere con:
A causa della Guerra dei sette anni (che coinvolse le principali potenze europee dal 1756 al 1763. In via molto semplificata, tra tutti i partecipanti alla Guerra, si può dire che a vincere, o meglio, ad ottenere maggiori benefici fu il Regno di Gran Bretagna, perché riuscì ad ottenere con la Pace di Parigi, la Nuova Francia e quindi, il predominio nel Nord America.) il Regno di Gran Bretagna si trovò in grande ristrettezze economiche e decise di attingere dalle colonie americane, imponendo alti dazi sulle importazioni delle materie. Le colonie d’America, stanche di sottostare a quella prevaricazione, chiesero l’indipendenza. La Guerra di indipendenza terminò con la stipula del Trattato di Parigi del 3 settembre 1783. (che riconobbe anche l’indipendenza delle colonie, con l’accettazione degli Stati Uniti.)

Ciò nonostante, rimase aperta una situazione debitoria e di disagio tra Gran Bretagna e Stati Uniti che fu definitivamente sistemata il 19 novembre 1794.

Con il Trattato di Jay si decise che:

La Gran Bretagna abbandonasse le fortezze occidentali entro giugno 1796 (cosa che accadde), e che risarcisse i proprietari delle navi statunitensi.

 Gli Stati Uniti d’America concedessero lo status di nazione più favorita alla Gran Bretagna, e che accettassero le politiche marittime anti-francesi. Anche gli Stati Uniti pagarono i debiti contratti prima della guerra.

#Curiosità
I termini del trattato furono redatti dal segretario del tesoro Alexander Hamilton, sostenuto fortemente dal capo negoziatore John Jay e dal presidente americano George Washington. 

I sostenitori di Jefferson erano contrari al trattato.

Spero ti sia piaciuto l’articolo, nel caso la risposta fosse affermativa, ricordati di lasciare un like e di condividere. È un modo carino per sostenere me e il mio blog.
Mi sembra di averti detto tutto, quindi, alla prossima!

Pubblicato in: News sul XVIII secolo

Napoleone

Carissimo/a history lover, buon momento!

Nella giornata dedicata alle gite fuori porta e ai bagni in mare e nei laghi , che si festeggia esattamente il 15 agosto, ho volutamente scelto di ricordare un altro avvenimento. Il motivo è, come per le altre festività, che saranno in tanti a parlarne e io sarei solo un’eco lontana, indi per cui…

Siccome sarete tutti a zonzo, persi nella miriade di divertimenti che offre il periodo e la giornata, vi ruberò pochissimo tempo.

In occasione del duecentocinquantaduesimo anniversario della nascita di Napoleone Bonaparte, ecco qualcosina.

«Napoleone Bonaparte nacque ad Ajaccio il 15 agosto del 1769 e morì sull’isola di Sant’Elena il 05 maggio del 1821. Figlio del generale e patrizio della Toscana Carlo Maria Bonaparte e di Maria Letizia di RomolinoNapoleone fu un nobile della Toscana per diritto di nascita, militare per passione, Generale francese per merito, Primo Imperatore dei Francesi per qualità e azioni. Fu anche tanto altro per conquista e merito. (Primo Console della Repubblica francese, Presidente della Repubblica Italiana, Mediatore della Confederazione svizzera, Protettore della Confederazione del Reno, Co-principe di Andorra, Principe dell’Isola d’Elba.)
Napoleone si sposò due volte. La prima moglie fu Marie-Josèphe-Rose Tascher de La Pagerie, conosciuta come Giuseppina di Beauharnais, (Bonaparte per lei fu il secondo marito, senza prole. Il primo fu Alessandro di Beauharnais al quale diede anche due figli.) L’imperatore divorziò da Giuseppina perché non gli diede eredi.
La seconda moglie fu l’arciduchessa Maria Luisa d’Austria, (discendente di Carlo di Borbone e Maria Amalia Wettin, il mondo è sempre più piccolo) la quale gli diede l’unico figlio legittimo.
Di lui si ricorda principalmente l’acume, le incredibili strategie, le alleanze e le vittorie sul campo di battaglia, che lo portarono a governare gran parte d’Europa. (Bonaparte d’Europa) »

#Curiosità
Si dice che Napoleone fosse basso, in realtà, era diversamente alto. Pare fosse 1,69 mt.

Napoleone veniva ritratto sempre con la mano nel panciotto e questo spinse molti a supporre che la tenesse lì a causa dei dolori allo stomaco, in realtà, pare che quella fosse una posa molto in voga nei ritratti del XVIII e XIX secolo. Pare fosse una sciccheria ripresa dagli antichi greci.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi può essere interessato/a.

Se hai altro da aggiungere lascia un commento.

Non dico altro. Alla prossima!