Pubblicato in: News sui Vichinghi

Accadde: Fermiamo l’avanzata dei vichinghi

Carissimo/a History Lover, buon momento!

In occasione dell’anniversario della promulgazione de l’Editto di Pistres, di cui ho già parlato, riporto le info per coloro che ignorano l’argomento.
Inizio dicendo che, secondo fonti italiane l’editto fu promulgato il 25 luglio, mentre, secondo fonti francesi, accadde il 25 giugno 864 (NO 25 luglio 864).

Nel caso te lo stessi chiedendo, il suddetto editto fu il primo esempio di buon governo da parte del sovrano francese Carlo II detto il Calvo [Nato 823 – Morto 877] (durante la sua vita egli fu re dei Franchi occidentali, di Aquitania, di Lotaringia, d’Italia, di Provenza e imperatore dell’Impero carolingio) , oltre ad essere stato un passo concreto verso la prevenzione e la diminuzione dell’invasione vichinga.

I VICHINGHI, che ormai conosciamo al pari dei nostri amici, erano un popolo del nord che amava solcare i mari, risalire i fiumi e assaltare i villaggi anche nell’entroterra. (Non c’era modo di salvarsi dalla loro furia! 😂)

Indi per cui…

Il sopracitato Re, stanco di vedere le sue terre depredate dai guerrieri del nord, decise di correre ai ripari.

Vuoi sapere in che modo? 🤔

Ora te lo dico. 🤓

A quanto pare, il 25 giugno del 864, il Calvo, promulgò l’Editto di Pistres, attuale città Pîtres, con il quale accordò ad ogni uomo in possesso di un cavallo, l’ingresso nelle file di un esercito preposto al respingimento dei vichinghi.
L’idea di Carlo II, in poche parole, era quella di creare una forza bellica capace di affrontare il nemico in tempi brevi.

Si presume che da questo provvedimento ebbe inizio la fortuna della cavalleria francese, la quale si protrasse anche nei secoli successivi.

Inoltre, per arrestare l’avanzata dei vichinghi che, come ho già detto, risalivano i fiumi sui loro bei drakkar, si decise di costruire lungo i corsi d’acqua dei ponti fortificati e armati. Il primo ponte fu costruito proprio a Pistres.

Mica è finita qui…

Carlo II, non ancora del tutto soddisfatto, decise che per il proprio benessere (ops, volevo dire per il benessere del popolo 😂 ) fosse giusto vietare anche il commercio di armi con i vichingotti.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi può essere interessato/a.

Non dico altro. Alla prossima!

Immagine presa dal web

Pubblicato in: News sui Vichinghi

Aegir, il dio del mare

Carissimo/a history lover, buon momento!

Siamo giunti al nuovo appuntamento con *Lo sapevi che – Vichinghi

Torno a parlare della mitologia norrena, perché noto che il popolo vichingo e la sua religione continuano ad essere gli argomenti più letti, oggi punterò tutta la mia attenzione su Aegir. Pronto/a? 

Per i norreni Aegir era il dio del mare. (😊 )

Nell’immaginario collettivo Aegir è rappresentato come un gigante dai lunghi capelli bianchi.

(Immagine di esempio sotto.)

#Curiosità
Si presume che il nome Aegir significhi “Oceano”.

Di Aegir non si hanno molte informazioni. Ciò che è noto, è la sua appartenenza alla classe dei “giganti.”

Si racconta che Aegir fosse associato sempre a sua moglie Ran.

Aegir e Ran ebbero nove figlie, che pare fossero spiriti nelle onde.

Secondo le notizie in nostro possesso Aegir e Ran erano entrambi i custodi del mare.

Era credenza popolare che Aegir fosse il benevolo. Colui che aiutava i marinai ad affrontare le lunghe traversate.

Ran, invece, il cui nome si potrebbe tradurre con “Ladro”, era la parte malvagia.

Era a Lei, infatti, che i norreni attribuivano le varie disgrazie in mare.

Attenzione! Di norma i rapporti tra i giganti e gli dèi non era positiva, tuttavia, questa coppia era ben vista ed era spesso ospite alle feste divine.

Spero che l’articolo ti sia stato utile, se così fosse non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi potrebbe trovarlo interessante.

Se vuoi scoprire altre curiosità vichinghe con un romanzo:
1.Orgoglio vichingo (quotidianità vichinga e fede)
2.Coraggio vichingo (guerra e amore)
3.Cuore vichingo (navigazione e consapevolezza)

4. Onore vichingo (passione e orgoglio)

Mi sembra di averti detto tutto, quindi, alla prossima!

Pubblicato in: News sui Vichinghi, Uncategorized

Il primo assedio dei vichinghi a Parigi

Carissimo/a History Lover, buon momento! Lo sapevi che oggi ricorre l’anniversario del primo assedio di Parigi effettuato dai vichinghi? Ebbene sì, il popolo formato dai guerrieri nordici più amati al mondo, assediò per la prima volta la città di Parigi il 28 marzo del 845 (alcuni però propendono per il 29.)Si racconta, che circa 5000 […]

Il primo assedio dei vichinghi a Parigi