Pubblicato in: Istantanee di Chiara

Istantanea: 389

Carissimi history lovers, buon inizio settimana!

[389]

I due si scambiarono un bacio colmo d’affetto. Con mani ansiose Chiara gli catturò il collo per attirarlo a sé e approfondire quel bacio che necessitava di essere reso profondo. D’istinto Francesco si distese su di lei per premere contro il suo corpo morbido e accogliente che sapeva di casa, di buono e di amore.
Un amore sincero e onesto, che li avrebbe accompagnati per sempre.

Quella sopra è l’istantanea conclusiva delle istantanee di Chiara. Il romanzo è in fase di editing con uscita prevista per questa estate. Alla prossima!

Pubblicato in: Istantanee di Chiara

Istantanea: 386-387-388

Carissimi history lovers, buon inizio settimana!

[386]

«Va bene, ti ascolto» confermò iniziando a spogliarsi. Aveva congedato il valletto ancor prima di entrare in camera.
«Puoi fermarti un momento, per cortesia» gli chiese con una certa impazienza. Il sonno era sparito del tutto, scacciato dall’importanza del momento.
«Certo», finalmente le dedicò la giusta attenzione, sedendosi al suo fianco, «dimmi.»
Chiara si morse il labbro inferiore e sorrise, «Sono incinta.»

[387]

La risposta di Francesco Saverio fu immediata. Con uno scatto si gettò su di lei per stringerla in un abbraccio carico di trasporto e di gioia infinita. All’età di trentacinque anni, oramai disperava di diventare padre.

[388]

«Mi hai reso l’uomo più felice al mondo!» esclamò dandole un bacio a stampo sulle labbra, prima di spostarsi sulle guance e l’intero volto. «Grazie, amore mio.»
«Sono io a dover ringraziare te», cinguettò con il riso nella voce, «è solo merito tuo se possiamo essere tanto felici.»
«Ti amo, Chiara» garantì, fermando lo sguardo in quello nocciola di lei, «e rinuncerei a tutto, pur di stare al tuo fianco.»
«Ti amo, Francesco, e farò tutto ciò che è in mio potere per renderti sempre l’uomo più felice al mondo.»

Alla prossima!

Pubblicato in: Istantanee di Chiara

Istantanea: 383-384-385

Carissimi history lovers, buon inizio settimana!

[383]

Gli accordi per le nuove nozze iniziarono poco tempo dopo, provocando gioia nei futuri sposi e sollievo in chi, fino a quel momento, aveva dovuto vivere al fianco del loro tetro e instabile umore.

[384]

Una sera, poco dopo la notizia del futuro lieto evento, Chiara se ne stava seduta nel salottino privato con un libro stretto in grembo e gli occhi rivolti alla fiamma del camino. Era pensierosa e desiderosa che il marito la raggiungesse in fretta. Era sempre impegnato con gli affari di corte e la loro intimità languiva, così come il tempo a loro disposizione.

[385]

Quando Francesco Saverio varcò la porta delle stanze private, si sorprese di trovare la propria moglie addormentata sul divano.
«Chiara», la chiamò a bassa voce, «amore svegliati.»
La donna sbatté le palpebre con sonnolenza prima di mugolare qualcosa di incomprensibile.
«Ti porto a letto» sorrise con tenerezza, prendendola in braccio.
«Aspetta di devo parlare» borbottò di nuovo, ma più comprensibile, mentre rannicchiava il viso nell’incavo del suo collo.
«Potrai farlo domani» sorrise adagiandola sul letto con gentilezza.
«No, devo farlo ora» chiarì spalancando le palpebre e puntandogli addosso uno sguardo insistente.

Alla prossima!