Pubblicato in: News sul Medioevo

Medioevo: Contadino

Carissimo/a history lover, buon momento!

Eccoci al undicesimo appuntamento con *Lo sapevi che – Medioevo* 

*****

BREVE RIASSUNTO:
«Come ho scritto le volte precedenti e, come ben sapete, ma che ripeto per i neofiti*, il Medioevo è inteso come il periodo storico che unisce l’antichità al rinnovamento rinascimentale e viene spiegato come un periodo di luci e ombre. Luci, perché proprio in quel periodo ci furono delle interessanti invenzioni che diedero il via al Rinascimento e, in modo più chiaro, al miglioramento dello stile di vita, soprattutto dei lavoratori e dei lor Signori. (Occhiali da vista, aratro, mulino alimentato ad acqua ecc.) Ombre, perché nonostante ci fossero molte migliorie, l’ignoranza era una piaga che coglieva la maggior parte del popolo causando una miriade di altri problemi. (L’Inquisizione, le crociate, ecc.)

Inoltre, come anticipato, la società medievale grazie al ruolo dell’evangelizzazione, aveva una visione dualistica del mondo: da un lato c’era Dio e dall’altro Satana, quindi, era necessario schierarsi.

L’uomo medievale è, nella memoria collettiva, il cavaliere, il sacerdote, il crociato o il signore del castello che, dal suo rialzo, decideva le sorti di chiunque. Nello specifico avevano il ruolo di:
Prelato: uomo di Chiesa;
Cavaliere: combattente;
Lavoratoti: servitori delle prime due classi
.
(Clicca qui per leggere articolo completo)

La donna medievale è, nella memoria collettiva, la dama, la serva o la suora che, dal suo posto, subiva le decisioni degli uomini. Nello specifico era percepita come una figura debole e bisognosa di protezione.

In linea generale, la donna medievale viveva una vita monotona, costellata da impegni che si ripetevano giorno dopo giorno. Ovviamente, le dame rispetto alle serve erano meno pressate dalle incombenze fisiche, tuttavia, è bene precisare che: Le donne non dovevano avere il tempo di oziare. Nello specifico:
Castellana: donna e dama che gestiva il castello;
Suora:
donna di Chiesa;
Lavoratoti:
donne libere che hanno la necessità di lavorare.
(Clicca qui per leggere articolo completo)

Parlando individualmente delle singole categorie, ho parlato dei cavalieri, ricordando che erano uomini facenti parte della cavalleria (la cavalleria era una classe nobiliare della società medievale, che identificava i guerrieri a cavallo a cui un  signore ne aveva riconosciuto il titolo.) e che, in linea generale, avevano il compito di proteggere e servire il proprio Signore, attraverso l’arte della guerra.
(Clicca qui per leggere articolo completo)

Dei crociati.(Clicca qui per leggere articolo completo)

Dei mercenari.(Clicca qui per leggere articolo completo)

Dei mercanti.(Clicca qui per leggere articolo completo)

Degli usurai. (Clicca qui per leggere articolo completo)»

Tra le figure maschili oggi parlo dei contadini.

Chi era il contadino? 🤔

Il contadino era ed è, nella memoria collettiva, colui che lavora la terra.

Per onor di cronaca è bene precisare che durante il Medioevo ogni terreno coltivabile, ma ogni area in genere, fosse di proprietà del Signore del Feudo. Era d’uso che egli concedesse ad ogni contadino un piccolo appezzamento (manzo) in cambio di denaro cadenzato. (Ecco la nota riscossione tributi)

La storia racconta che il contadino medievale fosse un uomo che viveva, insieme alla famiglia, proprio grazie al lavoro della terra. Di norma il terreno offerto ai contadini era sufficiente solo al sostentamento della famiglia, ma non era raro che alcuni vendessero i prodotti per poter pagare il suo padrone e quello che avanzava diventava il cibo per sé e la famiglia. Per questa ragione i contadini erano poveri e avevano una vita miserevole, ciò nonostante, l’economia medievale era fondata sul lavoro agricolo e pertanto era una figura apprezza.

Non per nulla: “Il lavoro nobilita l’uomo.”

Il contadino aveva l’obbligo di lavorare la terra del Signore e di seguirlo in guerra.


L’attività principale del contadino era, come detto, il lavoro nei campi, tuttavia, non era raro che venisse utilizzato anche per lavori di altro genere, come muratura o falegnameria.
 

#Curiosità
Tasse primarie del contadino:
Decima: Metodo di ripartizione dell’imposta fondiaria basato sull’obbligo di pagare in natura o in denaro una decima parte del prodotto lordo dei terreni. La d. sostituì il tributo che commisurava l’imposta all’estensione del terreno, ma fu poi abbandonata da tutti i paesi a favore di imposte proporzionali sul reddito netto, per evitare le inevitabili sperequazioni dovute alla produttività dei terreni. (Treccani)
Corvée: Nel diritto feudale, serie di prestazioni personali dovute al signore, generalmente consistenti in alcune giornate di lavoro; s’è conservata fino alla fine del sec. 18° e, in alcuni stati italiani, fino all’inizio del 19°. (Treccani)

*****

Spero che l’articolo ti sia stato utile, se così fosse non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi potrebbe trovarlo interessante.

Se hai altro da aggiungere lascia un commento, lo leggerò volentieri.
Alla prossima!

Autore:

Mi chiamo Lucia Scarpa, nella vita faccio la content writer, copywriter, copyexperience per terzi e scrivo romanzi d'amore storici e paranormali perché adoro l’emozione che nasce dalla parte creativa e dal contatto con i lettori. *****

2 pensieri riguardo “Medioevo: Contadino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.